Fabiuccio Maggiore

L'economista scomodo

L’Euroina che costruì la “pandemia”

A vedere dai miliardi stanziati si deduce che non esiste nessuna pandemia sanitaria ma da ritardo tecnologico.

Sì! Pandemia da ritardo tecnologico e “analogismo“. Bisogna debellare l’analogico e la fisicità perché pericolosi, quindi investono 48,7 miliardi di euroina.

Dalla seconda voce “transizione ecologica”, si evince che stanno investendo in un “digitalismo ecologico“, che ficchi il 5G ma senza accrescere l’elettosmog con umanoidi chippati per fare la differenziata.

Alla fine di tutto c’è la Sanità, inutile investire nella Sanità perché tanto non serve.

Il covid19 è, evidentemente, il mezzo col quale raggiungere il fine di un mutamento sociale diretto al Transumanesimo.

A dirlo non sono io, ma gli investimenti degli euroinomani drogati di potere.

Preserva la ragione!

Pensare a tali mutamenti sociali in piena pandemia sanitaria mette in serio dubbio quest’ultima. Sarebbe come pensare di ridipingere le pareti di casa mentre fuori sganciano bombe lasciando solo le macerie.

Si deduce che:

  1. o non siamo sotto bombardamenti (se non mediaticamente gonfiati)
  2. oppure questi bombardamenti si incastonano perfettamente coi piani di metamorfosi kafkiana di un uomo sempre più alienato e abbandonato a se stesso, privato anche di una stretta di mano, bacio o abbraccio perché ritenuti pericolosi.                                                  

In un modo o nell’altro, le soluzioni offerte dai piani superiori, devono essere tradotte per vie razionali come nuove insidie e pericoli da rigettare con tutte le nostre forze.

Sia chiaro, che questi criminali spietati non vogliono ridipingere le pareti ma modificare il genoma umano, assassinando definitivamente Madre Natura e l’equilibrio della vita.

Per Uomini Liberi e Sovrani!

F.M.

Fabiuccio Maggiore

Sostieni e condividi l'attività indipendente di un libero ricercatore. Grazie per il tuo sostegno. Per Uomini Liberi e Sovrani! F.M.

5 commenti su “L’Euroina che costruì la “pandemia”

  1. Fabiuccio, penso che sia il caso di iniziare a organizzarsi. Rifiutare il vaccino può essere molto complicato, oltre che non incisivo, se ciascuno pensa di risolvere la cosa individualmente. Il singolo, si sa, non fa notizia e viene messo a tacere molto facilmente.
    Dovremmo individuare uno studio legale che si specializzi e si impegni nella tutela di chi non desidera vaccinarsi.
    Bisognerebbe fare gruppo.
    Ora inizio a contattare le persone, tra le mie conoscenze, che sono del mio stesso avviso. Tu hai delle idee a riguardo?
    Aa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *